Logo. Immagine delle Comari di Puglia

L’occhio di St…..Catald

We are social

Su misura per te.

Prova i nostri private tours

Le cozze di Taranto sono deliziose e lo sanno bene.

Qual è il segreto di questa prelibatezza? Cerchiamo di considerare alcune storie medievali passate da ogni generazione, potremmo affermare che quei frutti di mare sono davvero sani grazie al santo patrono della città, st. ….. Catald.

Dicono che una volta ha deciso di buttare il suo anello nel mare e che questo anello ha scavato un buco nel fondo del mare, così chiamato ” St. L’ occhio di catald “, da cui l’acqua di primavera ha iniziato a farsi notare.

Forse questo episodio è stato raccontato con devozione durante il medioevo, ma ciò che è vero in realtà da un punto di vista scientifico è che ci sono, in fondo al golfo di Taranto, un sacco di “Citrici”, ovvero quei buchi di cui stiamo parlando.
Il mix di acqua salata e fresca ha creato un equilibrio che è una condizione perfetta per quelle deliziose bivalve.

Provate a metterle in una pentola per aprire le valve dopo avere ben pulito l’esterno per pochi minuti, in seguito alla loro apertura aggiungete olio, prezzemolo, aglio, un po’ di vino bianco e molto pepe. Il sapore del mare non lo dimenticherete più

Tag

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Weekly articles about traveling to make your live better than before

Sign Up For Our Newsletter

We promise you will not recieve spam from us. You can unsubscribe anytime